Il numero di visitatori alle Seychelles continua a superare le aspettative

Il numero di visitatori alle Seychelles continua a superare le aspettative

Gli arrivi e le spese dei visitatori alle Seychelles continuano a superare le aspettative e finora le prospettive restano positive.

Lo ha detto il segretario principale per il turismo, Sherin Francis, durante l’incontro marketing di metà anno organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e del Turismo.

L’obiettivo dell’incontro era quello di discutere gli sviluppi e le strategie di marketing per i prossimi sei mesi con i partner locali e stranieri.

All’incontro erano presenti anche il ministro degli Affari Esteri e del Turismo, Sylvestre Radegonde, il direttore generale per il Marketing Bernadette Willemin, il direttore generale per la Pianificazione e lo Sviluppo della Destinazione, Paul Lebon, e i partner e il personale del ministero.

Nonostante alcuni fattori negativi, come l’impatto della guerra tra Russia e Ucraina che ha fatto perdere alle Seychelles una redditizia fetta di mercato, i visitatori continuano ad arrivare numerosi, dopo la fase di stallo causata dalla pandemia.

Finora, dal 1° gennaio 2022 alla fine di giugno, le Seychelles hanno ricevuto 153.609 visitatori. E in termini di spesa nel Paese, poco più di 220 milioni di dollari. I primi dieci mercati dal 1° gennaio sono Francia, Germania, Russia, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti, Italia, Svizzera, Israele, Stati Uniti e Sudafrica. Per quanto riguarda la quota di mercato per continente, l’Europa domina con il 74,69%, l’Asia con il 15,05%, l’Africa con il 6,48% e l’Oceania con lo 0,3%.

Il ministro ha sottolineato che, secondo tutte le indicazioni, le Seychelles supereranno l’obiettivo fissato per quest’anno in termini di arrivi turistici, chiudendo l’anno con 300.000 visitatori e non prevede alcuna crisi nel prossimo futuro.

La preoccupazione più grande resta comunque la resa, dato che oltre il 90% di ciò che i visitatori spendono oggi è per l’alloggio e meno del 10% per gli altri servizi.

Proprio per questo negli ultimi due anni il ministero ha lavorato a un programma chiamato “Turismo culturale o comunitario”, per creare nuove attività da proporre ai visitatori, diversificando i prodotti offerti.

Attività come il festival settimanale “bazar labrin” torneranno a Beau Vallon con prodotti più autentici delle Seychelles. Tali attività non si limiteranno solo a Mahé ma verranno estese anche a La Digue e Praslin.

Il dipartimento ha anche valutato i potenziali lati positivi della pandemia, come la maggiore flessibilità del lavoro o del tempo libero e l’indipendenza dal luogo di residenza (lavoratori a distanza, nomadi digitali, viaggiatori per lavoro), la riscoperta della voglia di evadere dopo le restrizioni, l’aumento della consapevolezza della salute e dell’igiene e la maggiore tolleranza verso gli sviluppi imprevedibili.

Le tendenze di viaggio per il 2022 indicano la gratuità delle opzioni di prenotazione e cancellazione, la preferenza per la qualità rispetto alle occasioni, la preferenza per i pacchetti e le prenotazioni tramite agenzie di viaggio per le  riprotezioni o le cancellazioni, l’abbandono del turismo di massa, il recupero delle esperienze perse durante la pandemia e la spesa dei budget di viaggio non utilizzati negli ultimi due anni.

Il direttore generale ha sottolineato come il dipartimento si stia concentrando sul turismo verde e sostenibile e come l’aspetto culturale abbia un ruolo molto importante nella vendita della destinazione Seychelles.

Add a comment

*Please complete all fields correctly

LE ALTRE NEWS

logo seychelles island